3T - Trail Trekking Tor - Guide Trek Alps - Tor des Geants

3T

TRAIL & TREKKING TOR

3T da la possibilità ad amici, familiari, coppie che vivono la montagna a diversa velocità, di condividere gli stessi sentieri, le stesse escursioni, le stesse emozioni: per una settimana cammineremo o correremo sui sentieri del Tor des Geants, una delle più importanti e famose gare di trail running a livello internazionale, che si sviluppa sul tracciato delle due Alte Vie della Valle d’Aosta.

  • 6 giorni

  • a partire da  790

  • Escursionistica

  • min 7 persone

  • 13 luglio - 18 luglio 2020

    prenotazione entro il 05 giugno 2020

3T - TRAIL & TREKKING TOR

Gli escursionisti saranno accompagnati da una guida ambientale escursionistica, gli atleti da un istruttore di running certificato. Corridori e camminatori si saluteranno al mattino, per ritrovarsi poi alla sera per condividere le diverse, ma ugualmente entusiasmanti, esperienze.

Il tutto nella magnifica cornice delle montagne della Valle d’Aosta!

TREKKING: le escursioni a durata giornaliera si svolgeranno lungo i sentieri dell’Alta Via n. 1 e dell’Alta Via n. 2. Accompagnati da una guida ambientale escursionistica, andremo alla scoperta dei segreti della natura. I Giganti delle Alpi (Monte Bianco, Gran Paradiso, Monte Rosa e Cervino) faranno da cornice al trekking. Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, la nostra attenzione sarà catturata dai non insoliti incontri con camosci, stambecchi, aquile e gipeti. I paesaggi che ammireremo durante le nostre escursioni ci ripagheranno della fatica delle salite, regalandoci emozioni che solo la natura può darci. E alla sera, un menù a base di prodotti tipici ci farà apprezzare un’altra ricchezza della Regione più piccola d’Italia.

É richiesto un discreto allenamento.

 

TRAIL: Insieme alla NoLIMITS Academy, la prima scuola di trail & running della Valle d’Aosta, avrai l’opportunità di provare la magia di percorrere i sentieri di uno degli ultratrail più famosi e impegnativi al mondo: il Tor des Geants. Un trail-camp itinerante che solca i fantastici sentieri delle Alte Vie n.1 e 2 della Valle d’Aosta, al cospetto dei “Giganti”: Monte Bianco, Gran Paradiso, Monte Rosa e Cervino. Che tu voglia allenarti per preparare il Tor des Geants o un qualunque altro Ultra Trail o semplicemente vuoi conoscere le emozioni che provano gli atleti in gara, questa esperienza è quella che fa per te.

Un’opportunità unica, la prima di questo genere, ad elevato contenuto tecnico. Non solo la ricognizione guidata del percorso di gara, ma anche un allenamento professionale sul campo: Istruttori Nazionali di Trail-Running Certificati nonché Atleti di elevata esperienza, ti prepareranno ad affrontare al meglio la tua prossima ultra sfida o a realizzare il sogno di essere un “gigante”.

Che cosa imparerai:

Le tecniche di corsa e camminata sulle varie tipologie di terreno affrontato (salita/discesa/piano);
Come affrontare un Ultra Trail, partendo dalla pianificazione del giusto allenamento sino alle modalità da tenere durante la gara, gestendo alimentazione e riposi, anche con l’ausilio dei micro-sonni;
La scelta dell’attrezzatura migliore, dell’abbigliamento tecnico e di tutti i materiali nonché il corretto utilizzo, compresa la gestione dello zaino e l’utilizzo dei bastoncini per sfruttarne al meglio l’efficienza;
La sicurezza durante i trail, come gestirla e affrontare le varie situazioni anche in emergenza;
La corsa in notturna, come affrontarla al meglio e in sicurezza;
Lo stretching dopo gli allenamenti.

Per la partecipazione, dato l’impegno richiesto, è necessaria una buona forma fisica ed una preparazione idonea ad affrontare i vari tracciati giornalieri.
Il trail camp, sarà effettuato con qualsiasi condizione meteorologica come, peraltro, previsto per le gare di Trail Running, ma a condizione che siano rispettati tutti i canoni di sicurezza. In caso contrario, gli organizzatori potranno individuare percorsi alternativi, altrettanto interessanti.

Il tracciato percorre il più fedelmente possibile il tracciato di gara, ad eccezione di alcune piccole porzioni, per ragioni di logistica e di tempo.

1° giorno

km 11 e D+/- m 800

– Ore 09:00 incontro con la guida a Courmayeur
– Trasferimento in Valgrisenche e salita al Lac du Fond, uno dei laghi glaciali più belli della Valle d’Aosta. Se le forze ce lo consentiranno ancora, possibilità di salire verso il Col de la Crosatie. Pranzo al sacco.
– Rientro nel pomeriggio in albergo a Valgrisenche, briefing sull’attività del giorno successivo.

 

2° giorno

m 12 D+/- 650

– Trasferimento a Eaux Rousses in Valsavarenche, da dove saliremo agli alpeggi di Levionaz. Qui il paesaggio si fa sempre più alpino: il massiccio del Gran Paradiso protegge la valle, insieme alla Grivola. In questo alpeggio meraviglioso avremo la possibilità di incontrare camosci e marmotte distesi all’ombra di una roccia o a giocare con i nuovi nati dell’anno. Pranzo al sacco.
– Rientro nel pomeriggio in albergo a Eaux Rousses, all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

3° giorno

km 13 D+/- 870

– Trasferimento a Champorcher. L’escursione di oggi si svolgerà all’interno del Parco Naturale del Mont Avic e sarà la giornata dei laghi: durante la nostra escursione ne incontreremo almeno tre immersi in un paesaggio mozzafiato! Al ritorno intercetteremo di nuovo l’Alta Via che ci riporterà all’abitato di Champorcher.
– Trasferimento con mezzi pubblici in albergo a Pont Saint Martin; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

4° giorno

km 7,5 D+/- 600

– Trasferimento con mezzi pubblici a Valtournenche per raggiungere il Rifugio Barmasse. Il rifugio sorge ai piedi del Lago Cignana che, nonostante sia artificiale, ci emozionerà col suo colore verde intenso. Pranzo al sacco. ATTENZIONE: i bagagli non arriveranno in rifugio, è consigliato portarsi un cambio completo nello zaino.
– Arrivo nel pomeriggio al rifugio, briefing sull’attività del giorno successivo.

 

5° giorno

km 12 D+/- m 450

– Dal rifugio Barmasse ci dirigeremo verso la Fenetre d’Ersaz attraversando paesaggi che ci illumineranno gli occhi per la loro bellezza. Dalla Fenetre scenderemo su una comoda poderale a Torgnon. Pranzo al sacco.
– Trasferimento da Torgnon in albergo ad Etroubles; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

6° giorno

km 18 D+ m 552 D- m 1350

– Colazione in albergo.
– Questa sarà di sicuro la tappe più dura, ma anche quella di più grande soddisfazione. Dal Vallone del Gran San Bernardo arriveremo in Val Ferret, ai piedi del Monte Bianco che si manifesterà alla nostra vista una volta raggiunto il Colle del Malatra. La fatica che faremo per arrivare fin quasi a 3.000 metri di quota sarà ricompensata da una meravigliosa vista su tutta la catena del re delle Alpi. La discesa verso la Val Ferret ci riporterà indietro nel tempo, ai tempi in cui queste valli era popolate da uomini e mucche che trascorrevano qui tutta l’estate. Pranzo al sacco.
– Arrivo previsto nel tardo pomeriggio in Val Ferret e trasferimento con mezzi pubblici a Courmayeur e fine del nostro trekking.

 

Per ragioni organizzative o tecniche l’ordine delle escursioni e/o la  destinazione potrebbe subire dei cambiamenti. Il programma potrebbe subire variazioni ad insindacabile giudizio della guida in funzione delle condizioni meteorologiche e di sicurezza.

1° giorno

Tappa Courmayeur – Valgrisenche

km 49 D+ m 4.700

– Ore 09:00 partenza dalla piazza centrale di Courmayeur (1.224m), proprio dove parte il Tor des Géants, in direzione Valgrisenche (1.800 m), che raggiungeremo dopo aver affrontato il Col D’Arp (2.571 m), essere passati per La Thuile, il rifugio Deffeyes (2.500m) ed aver oltrepassato Passo Alto (2.857 m) e Col Crosatie (2.829 m).
– Arrivo nel pomeriggio in albergo a Valgrisenche, briefing sull’attività del giorno successivo.

 

2° giorno

Tappa Valgrisenche – Eaux Rousses

Circa km 31 – D+ m 3.000

– Partenza da Valgrisenche verso Eaux Rousses (1.654m) che raggiungeremo passando dal Rifugio de L’Epée (2.366m), superando il Col Fenetre (2.854m) e attraversando l’abitato di Rhemes-Notre-Dame. Prima di giungere al termine della tappa, supereremo uno dei colli a quota più elevata delle Alte Vie valdostane: il Col Entrelor a 3.299m. Una bella discesa, ci porterà alla meta giornaliera.
– Arrivo nel pomeriggio in albergo in Valsavarenche, all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

3° giorno

Tappa Eaux Rousses – Champorcher

Circa km 52 – D+ m 3.950

– Partenza dall’albergo per affrontare subito lo spettacolare Col Loson che con i suoi 3.299m è il più alto di tutto il Tor des Geants. Ci si avvierà alla volta di Cogne (1.531m) dopo essere passati dal rifugio Sella (2.585 m). Dopo una breve sosta si proseguirà in direzione Champorcher: sul nostro cammino attraverseremo il Col Fenetre de Champorcher (2.827m) e potremmo riposarci qualche minuto al rifugio Dondena (2.151m).
– Transfert privato da Champorcher a Pont-Saint-Martin
Arrivo nel pomeriggio in albergo; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

4° giorno

Tappa Gressoney S.J. – Rifugio Barmasse

Circa km 39 – D+ m 3.350

– Transfert pubblico da Pont-Saint-Martin a Gressoney-Saint-Jean; ATTENZIONE: i bagagli non arriveranno in rifugio, è consigliato portarsi un cambio completo nello zaino.
– Partenza da Gressoney-Saint-Jean (1.329m) per raggiungere il rifugio Alpenzu (1.788m) e il col Pinter (2.776m). Si scenderà alla volta di Champoluc, da dove si proseguirà verso il rifugio Grand Tournalin (2.535m) e il col di Nana (2.770m). Una bella discesa ci porterà a Valtournenche (1.526m) da dove si ripartirà per arrivare al rifugio Barmasse (2.175m), termine della tappa.
– Arrivo nel pomeriggio in rifugio; briefing sull’attività del giorno successivo. Cena tipica in rifugio.

 

5° giorno

Tappa Rifugio Barmasse – Ollomont – Etroubles

Circa km 62 – D+4.300

– La partenza dal rifugio Barmasse in direzione Ollomont, dopo aver percorso bei sentieri anche panoramici, si raggiungeranno i rifugi Magià (2.007m) e il Cuney (2.656m). Scollinati al col Vessonaz (2.788m) una lunga discesa ci porterà ad Oyace (1.463m). L’ultimo colle prima di giungere ad Ollomont è il Col Brison (2.492m). Da Ollomont si ripartirà per fare una piccola deviazione rispetto al tracciato originale di gara per giungere agevolmente ad Etroubles.
– Transfert privato da Etroubles a Saint-Rhémy-en-Bosses
– Arrivo nel pomeriggio in albergo; briefing sull’attività del giorno successivo.

 

6° giorno

Tappa Saint-Rhémy-en-Bosses – Courmayeur

Circa km 30 – D+ 2.000

– Partenza da Saint-Rhemy per affrontare il tratto finale della nostra avventura che ci porterà ad attraversare uno dei colli più spettacolari di tutto il percorso: il Col Malatrà (2.936m) sarà lì ad attenderci per mostrarci il massiccio del Monte Bianco in tutto il suo splendore! Dal colle scenderemo al Rifugio Bertone (1.940m) e da qui all’ambito traguardo.
– Arrivo previsto nel tardo pomeriggio a Courmayeur e fine delle nostre corse!

Per ragioni organizzative o tecniche l’ordine delle escursioni e/o la  destinazione potrebbe subire dei cambiamenti. Il programma potrebbe subire variazioni ad insindacabile giudizio della guida in funzione delle condizioni meteorologiche e di sicurezza.

Quota

Quota a persona:  a partire da € 790,00

La tipologia di sistemazione varia a seconda delle tappe: dormitorio, camere da due, tre, quattro  posti letti.

Gruppo minimo 7 persone per ciascun gruppo (trekking e trail).

Cos'è incluso ed escluso nel pacchetto
Che cosa è incluso in questo tour?
  • Guida Ambientale Escursionistica per tutto il viaggio;
  • Istruttore di trail running per tutta la durata del viaggio
  • Pernottamento e pasti ad eccezione di quelli indicati in “cosa non incluso”
  • Transfer privati e pubblici
Cosa non è incluso.
  • Pranzo dei giorni 1-6;
  • Bevande dei giorni 1-6;
  • Affitto sacco lenzuolo in rifugio (€ 3,00);
  • Biglietti mezzi pubblici al di fuori di quelli nel programma;
  • Attrazioni turistiche e culturali eccedenti quelle riportate alla voce “La quota comprende”;
  • Le mance e tutto ciò che non è specificato alla voce “La quota comprende”.
Descrizione strutture pernottamento:

Giorno 1: “Hotel Paramont”, Fraz. Planaval, Valgrisenche (AO)
L’albergo è situato nella conca di Planaval di Valgrisenche, immerso tra boschi e cascate, in una natura rimasta ancora incontaminata. Gestito dai proprietari, trattamento familiare, ottima cucina con specialità tipiche valdostane.

Giorno 2: “A l’Hostellerie du Paradis”, Eaux Rousses, Valsavarenche.
Immerso nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, l’hotel propone una felice simbiosi fra tradizione e comfort, in un ambiente familiare. Tradizione e qualità sono curate con passione anche dallo chef di cucina. Sistemazione in camere multiple da 3, 4, 5 persone.

Giorno 3: “Hotel Ponte Romano”, Pont-Saint-Martin (AO)
L’Hotel Ponte Romano si trova a Pont-Saint-Martin, all’imbocco della Valle di Gressoney. Situato in una posizione tranquilla al centro del paese, è vicinissimo al bellissimo e suggestivo Ponte Romano. Semplicità e cordialità sono le parole d’ordine. Il Ristorante Ponte Romano propone la cucina valdostana, pizze e piatti veloci.

Giorno 4: “Rifugio Barmasse”, Loc. Cignana – Valtournenche (AO)
Il rifugio Barmasse si trova sulle sponde del lago di Cignana 2.200 metri di quota, in Valtournenche. La struttura, interamente in pietra, ha vista panoramica sul lago. Nella sala pranzo, interamente rivestita in legno, si può assaporare la cucina montanara valdostana. Sistemazione in camere da 2, 4 e 6 posti letto. Bagni e docce in comune.

Giorno 5: “Hotel Beau Sejour”, Etroubles (AO)
L’Hotel Beau Sejour si trova ad Etroubles, uno tra i più antichi e più bei borghi medievali d’Italia, conosciuto anche per il suo “Museo a Cielo Aperto”. L’hotel ha un ristorante che offre piatti italiani e internazionali, nonché specialità regionali e menù tradizionali che, in estate, si possono gustare sulle due terrazze con vista sulla valle.

FAQ
  1. Guida escursionistica ambientale

    Davide D’Acunto

    Guida Ambientale Escursionistica. Ricercatore scientifico di specie artico-alpine, con studi specifici su territorio Alpino e  Scozzese. Madrelingua inglese.

    www.guide-trek-alps.com

    Lolita Bizzarri

    Guida Ambientale Escursionistica. Ricercatrice scientifica di mammiferi selvatici italiani, con studi specifici su territorio appenninico e mediterraneo. Parla inglese e francese.

    www.guide-trek-alps.com

  2. Istruttore di trail running

    Enzo Benvenuto

    Ultra Trailer Runner, ha corso e completato il Tor des Geants, il Tor des Chateaux, il Gran Trail di Courmayeur ed altre gare molto impegnative. Istruttore di trail running. Parla francese.

    www.facebook.com/nolimitstrail/

  3. Abbigliamento trekking

    Necessario scarponcini da trekking, o scarpe robuste che tengano l’acqua, maglione o pile, giacca e pantaloni antivento e antipioggia, cappello, zaino, borraccia, crema solare, occhiali da sole.

    Consigliati: bastoncini, macchina fotografica e binocolo

  4. Abbigliamento trail

    Necessario scarpe e zaino da trail, giacca e pantaloni antivento e antipioggia, cappello e/o bandana,  borraccia, crema solare, occhiali da sole.

    Consigliati: bastoncini, macchina fotografica

  5. Clima

    Nonostante agosto, il meteo in montagna è sempre molto variabile. Potrebbe esserci uno sbalzo termico tra le prime ore del giorno e quelle centrali. Possibili precipitazioni sia piovose che nevose, ricordarsi che il tempo in montagna può avere bruschi cambiamenti. Possibilità di ritrovarsi a camminare sulla neve nelle zone più in quota della Valle.

  6. Come arrivare ad Aosta

    Aeroporto di Milano Malpensa, Torino Caselle, Ginevra e trasferimento in Valle d’Aosta tramite bus, treno o mezzo proprio

    Le spese per i trasferimenti da e per l’Italia sono a carico del cliente.